Il mantra e i suoi effetti benefici

il mantra e i suoi benefici

Un mantra è un suono, una parola o un insieme di parole, la cui ripetizione induce un effetto vibratorio nei tre piani della personalità: fisico, astrale e mentale.

Questa ripetizione favorisce, attraverso la sua vibrazione, un miglioramento complessivo del metabolismo corporeo, un’armonizzazione e un rilassamento degli aspetti emotivi, nonché una migliore concentrazione e integrazione dell’attività del pensiero.

Inoltre, la vibrazione espressa da un mantra, ci mette in relazione con archetipi che risuonano ad elevati livelli di frequenza, facilitando l’innalzamento della nostra coscienza.

Il mantra può essere recitato portando la concentrazione su un punto specifico del corpo. Il punto più classico è lo spazio tra le sopracciglia, sede di Ajna Chakra e del terzo occhio. Un altro punto di concentrazione è il cuore, precisamente in corrispondenza della fossetta che si trova alla fine dello sterno, in un punto chiamato Jivatman.

Il mantra può essere recitato secondo diverse modalità: cantato ad alta voce, ripetuto mentalmente oppure sussurrato a bassa voce. La prima modalità è la più adatta alla meditazione di gruppo, mentre la seconda lo è per la meditazione individuale ed è molto più efficace delle altre.

 

Il mantra Om Shanti

Uno dei più diffusi e conosciuti mantra è l’Om Shanti. Il termine sanscrito Om viene considerato come la sillaba più sacra della tradizione indiana. Il suo simbolo rappresenta il creatore nell’atto di dare vita alla creazione (raffigurata dal sole e dalla luna stilizzati), attraverso il suo soffio vitale.

Shanti invece significa pace, per cui possiamo dire che la ripetizione di questo mantra è atta a produrre pace interiore.

 

Om Namà Shivaya

Un altro mantra molto diffuso e conosciuto, considerato uno dei più potenti mantra della tradizione indiana, è Om Namà Shivaya. È un mantra dedicato a Shiva, l’aspetto creativo/distruttivo della divinità che trova identificazione con l’energia di Primo Raggio corrispondente alla Volontà e al Potere manifesti nella divinità stessa.

Questa forza, alla base della creazione, è in grado di organizzare e ordinare tutti i processi creativi, portandoli al loro massimo sviluppo, ma anche di distruggerli quando hanno esaurito la loro funzione. Letteralmente può essere tradotto come “sia fatta la Tua volontà” o “mi arrendo a te, o Shiva”.