Le razze radice

Le razze radice

La terra è un luogo dove lo spirito, sotto forma di monade, discende per fare esperienza. Queste monadi man mano che si spostano verso la materia più densa, si rivestono di veicoli che gli permettono di agire sui vari piani che incontrano. Nella loro discesa, le monadi, s’incarnano suddivise in gruppi di anime. Questi gruppi si manifestano, sotto forma di razze, le cosiddette razze radice, ognuna delle quali, ha la funzione di sviluppare un determinato aspetto nell’evoluzione del genere umano. Secondo la tradizione esoterica le razze radice sono sette e ognuna a sua volta, è suddivisa in sette sotto-razze. Attualmente si sta manifestando la quinta razza radice, la sesta e la settima devono ancora venire:

  • Prima razza radice: Polare
  • Seconda razza radice: Iperborea
  • Terza razza radice: Lemuriana
  • Quarta razza radice: Atlantidea
  • Quinta razza radice: Ariana

Poco si sa sull’identità delle prime tre razze radice, anzi, secondo Max Heindel, non si può neanche parlare di razze prima del periodo lemuriano e dopo la sesta razza radice che deve ancora manifestarsi. Com’è scritto nel suo “La Cosmogonia dei Rosacroce”, le razze – passate, presenti e future – in totale sono sedici. Infatti Heindel non parla di razze e sotto-razze ma di un’unica razza Lemuriana, di sette razze dell’Epoca Atlantidea, di sette razze dell’Epoca Ariana e di un’unica razza che verrà (la sesta razza radice).

Soltanto verso la fine dell’epoca lemuriana nasce l’uomo come lo conosciamo noi, per questo motivo, prima di questo periodo, Heindel afferma che non si può parlare di razze, ma soltanto di epoche o fasi. La razza Lemuriana viveva in un continente chiamato Mu che si trovava nell’attuale Oceano indiano. È in questo periodo che avviene la separazione dei sessi. I Lemuriani ebbero sostanzialmente il compito di completare lo sviluppo del corpo denso.

In seguito alla razza Lemuriana, si affermò la quarta razza radice, la Atlantidea, che viveva in un continente chiamato Atlantide situato nell’attuale Oceano Atlantico. Il suo scopo fu quello di sviluppare il corpo astrale, quindi l’aspetto emotivo. Le sotto-razze della razza Atlantidea (o razze dell’Epoca Atlantidea, secondo Heindel) furono:

Gli Rmoahal: avevano scarsa memoria ed era connessa a delle sensazioni. Furono i primi che cominciarono a dare i nomi alle cose.

I Tlavatli: furono i primi a riconoscersi come esseri umani separati. Divennero molto ambiziosi e volevano che le loro opere venissero ricordate. La memoria divenne un fattore importante, infatti con essi si comincia ad onorare la memoria degli antenati.

I Toltechi: inaugurarono la monarchia e la successione ereditaria. Nella loro cultura l’esperienza veniva altamente stimata. I loro Re erano venerati dalle masse.

I Turanici: erano spregevoli per il loro egoismo. I loro Re venivano adorati come dei ed inflissero oppressioni estreme alle classi inferiori. Nella loro epoca fiorì una spregevole magia nera.

I Semiti originari: con la quinta sotto-razza atlantidea troviamo per la prima volta il germe della qualità correttiva del pensiero. Da loro nacque la quinta razza radice, cioè la razza Ariana.

Gli accadiani e i mongoli: sono le ultime due sotto-razze atlantidee. Con esse la facoltà del pensiero si spinse ancora oltre le sotto-razze che le precedettero ma, come abbiamo già detto, sono i semiti che daranno vita alla quinta razza radice.

La razza Ariana è l’attuale razza in manifestazione ed ha come scopo lo sviluppo del pensiero e quindi del corpo mentale. Attualmente siamo giunti alla quinta sotto-razza, ma vediamo come queste si sono succedute nel corso del tempo:

  • Ariana (originata dai semiti atlantidei);
  • BabiloneseAssiro-Caldea;
  • Persiana-Greco-Latina;
  • Celtica;
  • Teutonica-Anglo-Sassone.

Lo sviluppo dell’aspetto mentale sarà completato dalle altre due sotto-razze che verranno, mentre le altre due future razze radice completeranno l’evoluzione umana sviluppando le facoltà spirituali dell’essere umano.

comment No comments yet

You can be first to leave a comment

mode_editLeave a response

Only registered users can comment.

menu
menu

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione e di terze parti. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi leggi l'informativa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque elemento acconsenti all'uso dei cookie. Leggi l'informativa

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi